Perchè non devi scegliere Wordpress per creare il tuo sito web

Perchè non devi scegliere Wordpress per creare il tuo sito web

Nel momento di decidere come creare il tuo sito web, di sicuro qualcuno (o più di uno!) ti avrà consigliato di crearlo con WordPress.

Ti avrà pure elencato delle ottime ragioni per sceglierlo, per esempio che il maggiore punto di forza di WordPress è la facilità di utilizzo (ne sei così convinto?) e la possibilità di personalizzare velocemente i siti con l’uso di temi e plug-in a costi molto bassi (sempre che tu sia più che pratico di interfacce web...).

Un altro dei grandi meriti di WordPress? Quello di aver permesso a migliaia di persone di creare siti internet senza sapere una riga di Codice HTML.

Ma è davvero così? Ironia a parte, capita spesso di aver a che fare con nuovi clienti che vogliono “sistemare” il proprio sito web creato con WordPress, perché molte applicazioni al suo interno non funzionano bene, oppure perché la pagina dei contatti non invia correttamente le email (e se fosse una prenotazione online?), o la pagina offerte carica troppo lentamente tanto da far scappare i navigatori verso un concorrente!

Purtroppo WordPress ha diversi “punti deboli” che sono da tenere in considerazione per chi sceglie di lavorare sul web in maniera professionale e non vuole correre il rischio di creare esperienze di navigazione poco piacevoli per gli utenti/clienti.

Di seguito ti elenco i 6 "Punti Deboli" di Wordpress:

1) L’incompletezza:

Appena installato, WordPress è praticamente inutile. Quello che mette nativamente a disposizione è un sistema molto semplice basato su pagine e notizie.

Esiste un plug-in per ogni tua necessità: gestire le tabelle all’interno dei testi, attivare Google Analytics, creare slideshow di immagini, fare i backup, aumentarne la velocità, garantire maggiore sicurezza, fare la pulizia periodica, ottimizzare il SEO, l’antispam, ecc...

Insomma, ti ritroverai in un batter d’occhio con decine di plug-in installati che nella maggior parte dei casi hanno un costo!

2) La qualità e la sicurezza: 10 plug-in su 50 più usati presentano vulnerabilità!

Il codice di programmazione di WordPress è realizzato da programmatori di grande esperienza, però il vero problema nasce dai vari plug-in, che nella maggior parte dei casi sono sviluppati da appassionati o da chi non ha le stesse competenze dei creatori. 10 plug-in su 50 più usati presentano vulnerabilità!

3) Il peso: faticherai ad arrivare nelle prime pagine di Google!

Anche soltanto scegliendo i plug-in base, WordPress non è più quel CMS leggero che avevi installato: spesso i plug-in includono funzionalità molto complesse, con decine di opzioni inutili che rendono le pagine del sito web lente a caricare.

La velocità di un sito è un fattore di ranking molto importante per Google, significa che se il tuo sito web è lento, Google farà fatica a farti arrivare in prima pagina.

4) Il decadimento: dovrai aggiornarlo frequentemente.

WordPress difficilmente chiuderà tra qualche anno, ma le decine di plugin-indispensabili al funzionamento del tuo sito sono sviluppati da piccole aziende o a volte addirittura da appassionati a tempo perso. Quando questi smetteranno di sviluppare il loro plug-in tu dovrai cambiare plug-in, ma non potrai convertire i contenuti dei vecchi per i nuovi, o invece pagare profumatamente qualcuno perché porti avanti i plug-in già utilizzi.

5) Il peso dei temi grafici: non conformi alle regole del W3C

La flessibilità dei temi proposti da WordPress ha un risvolto negativo: un peso molto grande che incide sia sulla velocità di caricamento delle pagine sia sulla pulizia del codice, molte volte non conforme alle regole del W3C (World Wide Web Consortium).

6) Il multilingua: riscontrerai problemi se il tuo sito web deve essere tradotto in più lingue

Il più grande handicap, soprattutto se gestisci un Hotel o un’azienda che deve promuoversi in diverse nazioni nel mondo, è la gestione del multilingua!

I plug-in esistono, il vero problema è che non sono molto affidabili. In che senso, dirai tu? Aggiungendo al tuo sito web altri plug-in, nella maggior parte delle situazioni il plug-in non riuscirà a tradurre le nuove pagine nelle lingue straniere desiderate.

Conclusioni:

Non dimenticare che la sicurezza e la protezione dei dati (il GDPR, General Data Protection Regulation) sono questioni molto importanti.

Tu sceglieresti di creare un sito web che tra un anno potrebbe non funzionare più per colpa di plug-in non aggiornati, o che non sono sicuri e vulnerabili?

NO DI CERTO!

Meglio partire da zero, creando il codice sorgente del sito web più adatto alle tue esigenze con la veste grafica che più si addice alla tua azienda, predisponendo tutti gli strumenti per rendere semplice l’aggiornamento autonomo dei contenuti, potendo contare su professionisti che seguano passo dopo passo il tuo progetto e ti garantiscano anche adeguati servizi di assistenza nel tempo.

Aiutaci a condividere questo articolo:

Altri articoli

Lascia un commento

Altri Articoli

Cosa facciamo: